Language:

Area rivenditori

IL RINCARO DEI CEREALI FORAGGERI

Arrivano a doppie cifre gli aumenti dei prezzi dei cereali, mentre il Cai, Consorzi Agrari d'Italia, registra il calo della produzione del 10%. 

Il trend, fortemente rialzista dei prezzi di questa materia prima molto importante per la nostra alimentazione, registra un 15% per il grano tenero, il 25% per l'orzo mentre per il grano duro registra un aumento meno spettacolare, +3%. 

In Italia i cereali sono molto importanti e la superficie destinata a tali colture è del 32% della superficie agraria utile. La maggioranza dei campi sono concentrati nel Centro Nord. 

Il grano duro è coltivato per lo più nel Sud Italia, al nord è quasi scomparso. In Italia si tratta di un cereale molto importante, in quanto è l'ingrediente fondamentale per produrre la pasta alimentare, mentre nel mondo è poco diffuso e lascia il posto al grano tenero, coltivato in Europa soprattutto in Francia, Inghilterra, Austria e Germania. 

Il mais è senza dubbio il re dei cereali nel nostro Paese, la sua produzione è molto aumentata negli ultimi quindici anni. Ha una grande potenzialità produttiva e un alto valore nutritivo e viene prodotto per lo più in tutta la Pianura Padana. 

La superficie destinata all'orzo, così come quella destinata al grano tenero, si è ridotta in Italia e la produzione annuale è leggermente più bassa rispetto al fabbisogno nazionale e viene assorbita in piccola parte per l'alimentazione umana e per la maggior parte per la zootecnia. 

A livello europeo l'Italia è il maggiore produttore di riso con la superficie concentrata nella regione Piemonte e in Lombardia, che producono oltre il 50% del riso Europeo. A oggi esistono circa 200 varietà di riso. 

Ci sono poi dei cereali considerati minori: per l'avena la sua produzione è molto calata a causa delle elevate esigenze di acqua della cultura, un calo del numero di allevamenti di cavalli, la sua poca resistenza al freddo e la necessita di un ambiente umido e fresco. Gli studi si stanno spingendo verso la ricerca di antiche qualità che sono più resistenti. 

Il sorgo è il quinto cereale più coltivato al mondo e offre il vantaggio di avere un ridotto fabbisogno idrico. 

La segale è un cereale antico, che ha la caratteristica di avere una forte resistenza al freddo, per questo motivo la coltura in Italia è per lo più diffusa nelle zone di montagna del Piemonte del Trentino e della Lombardia. 

Negli ultimi anni è cresciuto anche l'interesse per il farro, considerato una specie tradizionale in quanto già presente sulle tavole di etruschi e romani, e quindi importante per la biodiversità. È il precursore del frumento, dal quale fu poi sostituito perché era più facile da coltivare e con rese maggiori. L'area di produzione principale è l'Italia centrale. 

Tutti questi cereali coltivati in Italia vengono a mescolarsi alle tradizioni e alla cultura del nostro Paese e sono delle eccellenze da valorizzare e promuovere. 

 

CEREALI

Contattaci

  • Str. Statale Fraz. Foresto, 65

    12030 CAVALLERMAGGIORE (CN)

  • Tel. +39 0172 742108

    Fax +39 0172 742333

  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Perché scegliere noi

Partnership

associato A.R.PRO.M.A.